Macrolepiota venenata

Macrolepiota venenata
(Jacob) Bon

Macrolepiota Venenata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAPPELLO 50-200 (250) mm, inizialmente emisferico, poi convesso, infine quasi piatto, con umbone largo, più o meno accentuato; cuticola ricoperta da squame fibrilloso-lanose, irregolari, più o meno larghe, molto fitte, sovrapposte, di un colore brunastro su fondo bianco, calotta centrale intera, di colore brunastro più scuro; margine debordante, con i resti di velo lacerato.
LAMELLE libere, arrotondato-distanti, fitte, larghe, bianche, poi bruno-rosate pallide con l’età e alla manipolazione, filo intero, concolore.
GAMBO 100-200 × 15-25 mm, cilindraceo, non molto slanciato, attenuato verso l’alto, ingrossato alla base in un bulbo submarginato o decisamente arrotondato; superficie liscia, pruinosa o feltrata, biancastra, alla manipolazione vira al bruno-rossastro. Anello semplice, bianco, mobile.
CARNE abbastanza spessa, bianca, con viraggio fugace (talvolta solo nella zona marginale) al rosso o vinoso, al taglio o alla manipolazione, infine bruno-ocraceo sporco; odore e sapore non particolari.
MICROSCOPIA: spore ovoidali, 10-12 × 7-8 µm, lisce, ialine al MS, destrinoidi, metacromatiche, a parete spessa, con poro germinativo; cheilocistidi clavati; cuticola con struttura di imeniderma. Giunti a fibbia assenti in tutto il carpoforo. Sporata biancastra.
HABITAT: cresce spesso cespitosa o a gruppi in luoghi erbosi, ruderali; estate-autunno.
NOTE - È una specie tossica e provoca disturbi gastrici più o meno violenti. Viene facilmente scambiata e raccolta con altre ricercate Macrolepiota.

A.M.B.

ASSOCIAZIONE MICOLOGICA BRESADOLA
via A. Volta 46, I
38123 - Trento (TN)
C.F. 80017380223
Tel e Fax 0461.913960
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Social Bookmarks